Una ricerca americana ha scoperto che il rischio di sviluppare obesità infantile è del 13% superiore se le mamme hanno un livello di glicemia superiore al range di normalità durante il periodo tra la 24ma e la 28ma settimana di gravidanza, anche se non è stato diagnosticato un diabete gestazionale.

di Carmela Marinucci

Sulla prestigiosa rivista PLOS One è stato pubblicato lo Studio:“Diagnostic thresholds for pregnancy hyperglycemia, maternal weight status and the risk of childhood obesity in a diverse Northern California cohort using health care delivery system data , condotto da ricercatori dell’Università del Tennessee – Knoxville e della Kaiser Permanente della Nord California.

Il diabete gestazionale, anche noto con il nome di diabete mellito gestazionale o diabete in gravidanza, è un disturbo che si manifesta raramente nelle donne incinte sotto i 25 anni, mentre oltre i 35 anni colpisce il 20% delle gravidanze ed è un problema molto comune nelle donne in sovrappeso.

I ricercatori hanno analizzato i dati di 46.696 donne che si erano affidate al sistema di assistenza sanitaria gestito dalla Kaiser Permanente di Oakland durante il periodo 1995-2004 e di quelli della loro prole, seguita per 5-7 anni.

Negli Stati Uniti, le donne in gravidanza effettuano un test di screening del glucosio nel sangue tra la 24ma e 28ma settimana. Se il test mostra livelli elevati di glucosio nel sangue, viene eseguito un ulteriore test per determinare se la donna ha il diabete gestazionale (GDM), noto anche con il nome di diabete mellito gestazionale o diabete in gravidanza, un disturbo che si manifesta raramente nelle donne incinte sotto i 25 anni, mentre oltre i 35 anni colpisce il 20% delle gravidanze ed è un problema molto comune nelle donne in sovrappeso.

Se alla donna è stato effettivamente diagnosticato il diabete gestazionale  – ha dichiarato la Epidemiologa Samantha Erlich , del Dipartimento di Salute Pubblica dell’Università del Tennessee e principale autrice dello Studio – il rischio che il bambino sviluppi l’obesità aumenta del 52%”.

Tuttavia, Ehrlich e il team hanno scoperto che una volta che siano stati riscontrati elevati livelli di glucosio nel sangue nel test di screening, anche se il livello glicemico non sia tale da diagnosticare il diabete gestazionale, i bambini hanno un rischio di sviluppare obesità tra i 5 e i 7 anni di età, del 13% più elevato rispetto ai loro coetanei nati da donne che hanno livelli normali di glicemia nel sangue al test di screening.

Inoltre, i ricercatori hanno anche scoperto che se la madre ha un normale indice di massa corporea (IMC), normale i livelli elevati di glucosio nel sangue durante la gravidanza non erano più correlati allo sviluppo dell’obesità infantile.

Questo dato – ha aggiunto la Erlich – è importante perché suggerisce che potremmo essere in grado di prevenire l’obesità infantile in due modi: aiutando le madri a raggiungere un IMC normale prima di iniziare una gravidanza e riducendo l’iperglicemia durante la gravidanza”.

Ricordiamo che l’IMC è il parametro utilizzato per ottenere una valutazione generale del proprio peso corporeo che si ottiene dividendo il proprio peso corporeo in kg. con il quadrato dell’altezza, espressa in metri.

Il risultato di tale formula classifica il soggetto in un’area di peso che può essere: sottopeso- normale -sovrappeso – obesità di medio grado – obesità di alto grado.



Leave a comment