di Benedetta Giovannetti

Il vischio è una pianta sempre verde particolare infatti è una pianta parassita, il suo seme, infatti si insinua nella pianta che lo ospita fino ad innestarsi e a diventare parte di essa.

Per il Celti il vischio era il simbolo era il simbolo della resurrezione, della sopravvivenza della vita alla morte, affascinati dalla sua vita aerea credevano che fosse un simbolo degli dei e per questo per il fatto che fosse in grado di vivere senza toccare terra i celti gli attribuivano un grande potere.

Tanto che per raccogliere questa pianta attuavano una serie di cerimonie, volte a celebrare la sopravvivenza dello spirito alla morte fisica.

Infatti i Celti credevano che il vischio avesse un ciclo vitale di tre fasi: un soggetto che trapassa la morte rappresenta il vischio, l’uccello che ne trasporta i semi è il messaggero della vita e l’intenzione divina conferisce il potere di nascere e di crescere.

Esso pertanto era una delle piante più preziose dell’erboristeria celtica, ed era associato alla vita di un re o di un grande capo.

Il vischio veniva raccolto nel sesto giorno di luna crescente, quando si incrementava di potenza.

Il druido che lo tagliava, officiando la cerimonia era interamente vestito di bianco e venivano sacrificati dei giovani tori bianchi per rinnovare il patto con la divinità.

I cristiani ripresero in parte questa tradizione del vischio come pianta portatrice di fortuna con il gesto di baciarsi sotto il vischio.

Leave a comment