mancano pochi giorni ad Halloween e se siete amanti del dolcetto o scherzetto tra i vicini e per le strade della vostra città è giunto il momento di pensare a qualche possibile travestimento pauroso e divertente allo stesso tempo.

di Benedetta Giovannetti

Al solito c’è l’imbarazzo della scelta, tra personaggi letterari e cinematografici come Pennywise il clown assassino protagonista di IT di Stephen King o il serial killer Freddy Kruger.

Vediamo allora qualche idea a cui ispirarsi.

Uno dei personaggi più gettonati è il costume ispirato alla saga Scream, comprendente il vestito nero, la maschera bianca ed il coltello grondante di sangue.

Altro classico per la notte di Halloween è il costume da strega disponibile sia nella variante gotica con corsetto, gonna corta nera e rossa e cappello a punta, sia nella versione più realistica con vestito alla contadina, scopa di saggina e l’immancabile cappello a punta.

Altro costume molto gettonato per gli uomini è quello del Joker uno dei personaggi più inquietanti e ambigui della storia del cinema.

Per dei look ancora più creepy ci sono anche i costumi a tema zombie, da scolarette del college americano a preti e suore, c’è l’imbarazzo della scelta, basterà comprare anche capsule per il sangue finto, lenti a contatto bianche ed un kit make up per simulare il colore verdognolo tipico degli zombie.

Sempre a tema cinematografico non può mancare il costume del clown assassino sia nella versione di Pennywise sia nella versione comune ma comunque paurosa grazie alla maschera e alla presenza del sangue sui vestiti.

E dopo gli adulti è il momento di pensare anche ai bambini, per loro ci sono costumi meno paurosi ma di grande effetto lo stesso.

C’è il costume da streghetta, molto colorato con abito, cappello e collant a righe perfetto per farla sentire una strega buona.

Perfetto è anche il costume da fantasma con mantello bianco e cappuccio.

E per i maschietti il costume da scheletro che comprende la tuta nera, il cappuccio e la maschera che riprende un vero e proprio scheletro umano.

Leave a comment